VIOLINO

Stefano Gérard

Stefano Gérard è nato nel 1995 a Verona, città dove ha frequentato il Liceo classico “S. Maffei”.
Dopo aver studiato violino a Verona presso il Conservatorio statale di Musica “E.F. Dall’Abaco” e a Cremona con il M° Antonio De Lorenzi presso l’Istituto Musicale pareggiato “C. Monteverdi”, nel luglio 2015 si è brillantemente diplomato in violino presso il Conservatorio statale di musica “Luca Marenzio” di Brescia nella classe del M°Alberto Martini. In qualità di allievo effettivo ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento tenuti, tra gli altri, dai M° Ilya Grubert e M° Marco Fornaciari; ha studiato violino sotto la guida del M° Roberto Ranfaldi all'Accademia di Alto Perfezionamento "L. Perosi" di Biella dal 2016 al 2018. Come solista si è distinto in concorsi nazionali ed internazionali: nel 2012, in particolare, ha conseguito il primo premio al concorso internazionale “Antonio Salieri” di Legnago. Nel medesimo anno ha anche vinto la borsa di studio assegnata dall’associazione “Terenzio Zardini” di Verona quale miglior studente frequentante contemporaneamente il Conservatorio ed una scuola media superiore. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero con varie orchestre e ensemble.

 

Recentemente ha collaborato, tra le altre, con “I Virtuosi Italiani” e “Filarmonica del Festival Pianistico internazionale di Brescia e Bergamo”. E’ membro stabile del “Perosi Ensemble”, orchestra da camera con la quale ha registrato nel Giugno 2018 un CD per Amadeus assieme al M^ Marco Rizzi. In ambito cameristico, ha svolto attività concertistica in duo violino e pianoforte (formazione con la quale nel 2016 ha vinto il primo premio assoluto al Concorso Internazionale “Diapason d’oro” di Pordenone), in piano trio e quartetto con il pianoforte, perfezionandosi con il Trio di Parma e ATOS trio. Dal gennaio 2019 è Tutor delle classi di musica da camera al Conservatorio Statale di Musica “G.Nicolini” di Piacenza. Da fine 2019 si dedica all’approfondimento della musica antica e di un approccio storicamente informato allo strumento, con particolare interesse alle tecniche violiniste storiche. Coltiva lo studio di viola e violino barocco, tra gli altri, con Susanne Scholtz, Andrea Rognoni, Enrico Gatti, Alessandro Ciccolini, Amandine Beyer, Leila Schayegh e Ryo Terakado. Si iscrive poi al Biennio di II livello in violino barocco sotto la guida del Maestro Andrea Rognoni presso la Scuola Civica “Claudio Abbado” di Milano, proseguendo gli studi presso il Conservatorio Statale di Musica “Bruno Maderna” di Cesena nella classe del Maestro Luca Giardini, presso il quale si laurea con il massimo dei voti e lode nel marzo 2022, con una tesi sull’origine del concerto grosso, “Il Concerto grosso, un’indagine storiografica tra XVII e XVIII secolo”.

 

Attualmente frequenta il biennio di viola barocca presso il Conservatorio Statale di Musica "Bruno Maderna" di Cesena e il biennio in Early Music chamber music performance al Conservatorio Statale di Musica "Arrigo Boito" di Parma. Da fine 2021 è membro attivo dell’orchestra under 30 su strumenti originali “Frau Musika”, diretta dal Maestro Andrea Marcon, e partecipa regolarmente ad ensemble e accademie in Italia ed Europa. A inizio 2022 fonda, assieme ad alcuni colleghi e amici, l’ensemble “Delirium Amoris”, volto alla valorizzazione della musica antica, con particolare attenzione ai compositori minori. Suona uno strumento francese anonimo di fine ‘700, una copia di un violino “Santo Serafino, 1749” e una viola copia Guadagnini 1779.